Crea sito
petti_di_pollo_ripieni.jpgmilanese-di-zia-emilia.jpgpolpette_tonno.jpgreginelle_al_tonno.jpgfagioli_all_uccelletto.jpgfave_pancetta.jpgfiori_di_zucca_ripieni_al_forno.jpgmelanzane_al_parmiggiano.jpgconchiglie-di-pasta-sfoglia-farcite.jpgfrappe.jpg
sette_nani_meno_uno.jpgnomi_collettivi.pngsorge_la_luna.jpgmaggie_perch.pnggiapponese.jpgmodificatori.jpgdomande.pngenricovsancrispino.jpgil_doppio_o_niente.jpg

Le mie 10 regole per l'asta

10 regole bart simpson

L'asta di inizio stagione è un momento fondamentale, quindi ci si deve preparare e avere le idee ben chiare. Ovviamente ci sono diverse scuole di pensiero e in molti hanno provato a stilare un decalogo che possa guidare il fantallenatore. Io non pretendo tanto e quindi mi limito a codividere le mie 10 regole per l'asta:

  1. non scoprire mai le tue carte: all'inizio non chiamare un calciatore che tu sai essere forte ma che è sconosciuto o quasi. Quando chiamo un giocatore semi sconosciuto ai più, tutti si mettono a rilanciare perchè credono che sia una delle mie tante scoperte e rimango puntualmente buggerato! Fai così: quando viene chiamato il giocatore che ti interessa stattene buono e aspetta, vedi come si muovono gli altri. Se nessuno rilancia fallo tu e magari con poco te lo porti a casa; altrimenti partecipa all'asta e tiralo finchè te la senti. Il bello di non prendere subito chi ti interessa e di sfoderale le tue chicche alla fine è che qualcuno ha già comprato tutti (specialmente gli inesperti) o le rose sono quasi complete e i crediti quasi finiti e quindi te lo prendi spendendo poco o anche solo 1!!! Tecnica opposta ma altrettanto buona è quella di prendere subito tutti i giocatori del reparto. Infatti all'inizio difficilmente vengono spesi tanti soldi su un giocatore mentre, quando i giocatori sembrano scarseggiare, i prezzi salgono inevitabilmente per paura di non prendere nessuno.
  2. non permettere agli altri di acquistare buoni giocatori a poco: un grande ds (direttore sportivo) comanda il gioco e non ne rimane travolto! Quando chiami un giocatore buono per cui sai di non rimanere fregato (nel senso che ti tocca comprarlo anche se non lo volevi) rialzalo sempre! Bene, rilancia fino a che non rimani tu più altri due. Solo allora sarai in grado di capire se acquistarlo o no. Facendo così farai salire i prezzi e tu rimarrai con un bel gruzzolo di soldi per poi comprare gli attaccanti.
  3. spendi poco per i difensori: per la tua difesa devi spendere assolutamente poco!!! Con la difesa non si vince! Si migliora ma non si vince. Quindi quando tratti per uin difensore se il prezzo sale troppo lascia perdere. Concediti giusto una spesa più alta se ti va, ma deve essere proprio un tuo pupillo.
  4. Manolas qui è una pippa: i difensori forti non sono quelli "canonici", sono quelli che segnano e che giocano sulle fasce e a centrocampo. Un esempio: Lichtsteiner gioca a centrocampo e segna. Bonucci è centrale e da lì non si schioda. Certo, Bonucci è un caso a parte visto che sale anche sui calci d'angolo però rimane il fatto che è più probabile che segni al contrario di Manolas. Il difensore di fascia invece è più difficile che prenda votacci anche quando la sua difesa prende 4 gol! La colpa è del centrale se segnano! Inoltre sono i centrali a fare più falli e quindi a prendere più cartellini (ricorda: giallo -0,5 e rosso -1). Quindi occhio ai cattivi, sono la bestia nera del fantacalcista. inoltre evita il vecchietto: è un fenomeno va bene, ma lo paghi un sacco! E se ti si scoccia? E di solito si infortunano più spesso con l'avanzare delle primavere e tu non ti puoi permettere di stare senza un giocatore per molto tempo (discorso valido anche negli altri ruoli).
  5. portieroni??? No grazie: parliamoci chiaro, Buffon è un gran bell'acquisto, ma non ce lo possiamo permettere! Perchè spendere un patrimonio su un giocatore che raramente ti svolta la partita? Meglio puntare su quelli delle squadre di media classifica che si riescono a prendere a meno e che comunque sono buoni giocatori. Prendi Viviano. Non è un fenomeno però alla Sampdoria fa il suo dovere. Ed è anche uno dei primi da chiamare, questo è importante: chiamando Viviano prima dei portieroni delle grandi squadre (Buffon, Handanovic, Szczesny, ...) lo puoi prendere a poco, nessuno spenderà su Viviano sapendo di dover combattere per i migliori fra poco! Stesso discorso per quelli chiamati dopo un campione. Si esce distrutti dall'asta di Buffon e quindi subito dopo si possono fare buoni affari!
  6. 2+1: ricordati questa formula. Bisogna assicurarsi un buon portiere che sarà il tuo titolare, la sua riserva (che si riesce a prendere a 1 visto che per gli altri è inutile. Esempio: chi vorrebbe Puggioni se Viviano te lo sei comprato tu?) e poi un altro titolare di fascia più bassa, un portiere che metterai ogni tanto quando il tuo titolare affronta gli squadroni di alta classifica, così ti assicurerai un trio buono e con poche spese.
  7. il cuore della squadra: logicamente sto parlando del centrocampo! Non sottovalutare i punti che questo reparto può portare. Si vincono i campionati grazie ad un grande centrocampo che sia in grado di sostituirsi l'attacco quando questo decide di andare in "sciopero". Pogba, Candreva, Felipe Anderson, Menez, Hamsik ..., come puoi notare da te sono tutti giocatori con nette propensioni di attacco. Lascia perdere i calciatori tipo Pizarro, Cigarini o Valdifiori. Dio li fulmini! ammonizioni, espulsioni, ma pochi o niente gol. La peste fatta giocatore! E non mi venire a dire che prende sempre 7. Meglio un Moralez che praticamente gioca da punta no? Qui il discorso costi è complicato: devi avere 4 titolari inamovibili sui quali ti puoi concedere delle follie (come per Hamsik) e poi 2 buonissimi centrocampisti e altri 2 un passo indietro. Non è necessario prendere tutti da grandi squadre anzi, la Champions e le altre competizioni nazionali succhiano energie, portano infortuni e turn over. Ad esempio io quest'anno non punterò su Pogba: per quanto sia un fenomeno, molto meglio Bonaventura, Vasques e Parolo no? Oltretutto starei lontano da gente tipo Guarin, Pjanic e Ilicic: i geni come loro sono molto altalenanti.
  8. veniamo all'attacco: voglio 6 super calciatori! Però puoi far spendere tanti soldi agli altri. Totti, Llorente, Palacio, Gervinho hanno il nome, giocano con grandi squadre, quindi forse verranno pagati tanto, ma renderanno poco sotto il punto di vista realizzativo. Sono molto meglio Destro, Berardi, Paloschi, Eder e simili, cioè prime punte inamovibili nella loro squadra che buttano dentro la palla appena trovano un buco nelle difese affollate. L'ariete fa 15 gol, mentre la seconda punta crea spazi e fa molti giochetti ma alla fine è il suo compagno che fa i gol a grappoli. Ancora meglio quando la punta ha tre centrocampisti offensivi dietro. Cerca di evitare i giocatori che vanno a folate tipo Denis, Pinilla e Maccarone. Facci caso: segna 10 gol in 10 partite e poi rimane all’asciutto per altrettante con prestazioni scarse. Meglio uno costante tutto l'anno che ti segna un gol ogni due o tre partite che uno che te ne fa 4 in una partita e poi non segna per 5 giornate. Bene quelli che tirano punizioni e rigori, ma attento ai rigoristi può essere un'arma a doppio taglio (rigore sbagliato -3!!!). Meglio uno che ti fa 15 gol senza rigori che uno che te ne fa 22 con i rigori e il rischio di sbagliarne 3. Un rigore sbagliato ti fa abbassare il punteggio.
  9. una buona strategia: l'importanza del modulo. Di solito si gioca col 3-4-3 (nel caso non si giochi con i modificatori). Ma quando ti capitano le giornate di squalificati e infortunati stai attento. Meglio ripiegare su un modulo che ti assicuri undici titolari che rischiare di perdere per un buco nella squadra. Valuta attentamente le probabili formazioni dei giornali o di qualche sito internet aggiornato e tieni d'occhio le partitelle infrasettimanali, le indicazioni che ne vengono sono molto utili. Non ti fidare ciecamente delle formazioni annunciate qualche giorno prima. Quindi occhio a fare anche dei buoni acquisti per la panchina, magari con scarso rendimento ma titolari, così da evitare di giocare in inferiorità numerica. 
  10. alla fortuna non si comanda: si belle parole! Ma rimane una sola e grande regola: ci vuole tanta fortuna in questo gioco. Quante volte gli attaccanti in panchina segnano doppiette o triplette e i titolari niente, che rodimento perdere con tanti gol in panchina!!!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Joomla templates by a4joomla