Crea sito
scaloppine_allarancia.jpgossibuchi_cremosi.jpgsushi-a-modo-mio.jpgcalamarata_con_gamberi_melanzane_pistacchi_sito.jpgpasta_fredda.jpgquiche-di-carote.jpgpenne_alla_zucca.jpgfunghi_sprint.jpgmelanzane_al_parmiggiano.jpgreginelle_al_tonno.jpg
il_doppio_o_niente.jpggiapponese.jpgmodificatori.jpgsorge_la_luna.jpgsette_nani_meno_uno.jpgenricovsancrispino.jpgmaggie_perch.pngdomande.pngnomi_collettivi.png

GO

Se ti dico "GO" cosa ti viene in mente? Ho provato a fare questa domanda ed ecco alcune delle risposte che ho ottenuto:

  1. onestamente la prima cosa assoluta (vedendo pure la "grafia") che mi è venuto in mente è Mario Kart(nel gioco Mario Kart appare la scritta "GO!" per dare il via alla gara)
  2. pensando un po' in informatichese mi viene l'istruzione go di T-SQL o il goto
  3. Vai ...
  4. c'era una canzone che mi viene sempre in mente: go Johnny go
  5. la targa di Gorizia
  6. Via!

Ovviamente la domanda posta in modo così generico si prestava alle varie interpretazioni qui sopra e a molte altre che non ho ricevuto come risposta.

Ma io qui non parlerò di Mario Kart, ne di informatica; non mi addentrerò neanche tra canzoni, spartiti e note musicali,  ne tra i vari utilizzi del verbo "to Go" in inglese; meno che mai scriverò qualcosa sulle targhe automobiliste, magari un'altra volta.

Qui proverò a parlare di GO: il gioco da tavolo strategico per due giocatori, ha avuto origine in Cina (dove è giocato da almeno 2500 anni) ed è molto popolare in Asia orientale.

Senza aver l'ambizione di farne una guida completa ed esaustiva (cosa che tra l'altro non sarei in grado di fare) vorrei solo dare uno spunto e magari accendere la curiosità di qualcuno per questo bel gioco. 

Perciò meglio iniziare subito!

Regole di base e nomenclature del gioco

GO: goban

Il GO è un gioco di strategia che si gioca in due, il "terreno di gioco" è costituito da una tavola di legno detto goban. Sul goban è tracciato un reticolo costituito da 19 righe orizzontali e 19 righe verticali, per un totale di 361 intersezioni. I giocatori si alternano a disporre le proprie pietre (bianche o nere) sull'intersezioni libere.

Lo scopo del gioco è circondare con le proprie pietre un "territorio" più grande dell'avversario. Il gioco inizia sul goban vuoto e prosegue finché entrambi i giocatori passano la mano ritenendo di non poter ulteriormente ingrandire il proprio territorio o diminuire quello dell'avversario.

Libertà

Ogni intersezione vuota adiacente alla pietra, ossia ad essa connessa da una linea disegnata, viene chiamata libertà.
Qualche immagine chiarisce più di tante parole:

GO: 2 libertà GO: 3 libertà GO: 4 libertà
2 libertà 3 libertà 4 libertà

Gruppi

Un gruppo di pietre adiacenti (connesse orizontalmente o verticalmente, ma non in diagonale) forma un gruppo. Le pietre di un gruppo condividono le relative libertà:

GO: gruppo con 6 libertà GO: gruppi con libertà in comune
le pietre nere formano un gruppo con 6 libertà, mentre quelle bianche non formano un gruppo le pietre nere e quelle bianche formano due gruppi con 3 libertà in comune (segnate in rosso)

Cattura

Quando ad un gruppo (eventualmente costituito da una sola pietra) viene tolta la sua ultima libertà viene catturato e rimosso dal goban. I prigionieri vengono tenuti da parte perché serviranno per il conteggio finale del punteggio.

Un gruppo di pietre con una sola libertà si dice che si trova in atari: termine giapponese che indica un gruppo con una sola libertà rimasta, quindi a rischio cattura

GO: atari GO: cattura
le pietre bianche sono in atari: ossia hanno una sola libertà e sono a rischio cattura con l'aggiunta di una pietra nera le due pietre bianche sono state catturate e rimosse dal goban

Mosse consentite

Una pietra può essere posizionata su qualunque intersezione vuota del goban, solo se alla fine della mossa il gruppo a cui appartiene la pietra mantiene almeno una libertà. Ogni mossa ha due fasi: la prima è il piazzamento della pietra e la seconda l'eventuale rimozione di tutte le pietre del colore avversario che abbiano perso la loro ultima libertà a causa di questa mossa. Quindi è consentito posizionare una pietra in un incrocio senza libertà (prima della mossa) ma che permette di catturare alcune pietre avversarie, liberando così alcune libertà (alla fine della mossa).

GO: mosse consentite GO: mosse consentite
il bianco può giocare le sue pietre nei punti segnati, anche in quello segnato in giallo, ma non è proprio il più consigliato ;-) il bianco può giocare nell'intersezione segnata (che ora non ha libertà) perchè così facendo cattura le 4 pietre nere e quindi poi avrà 4 libertà

Mosse vietate: suicidio

Non è consentito posizionare una pietra in una intersezione vuota del goban senza libertà sia prima della mossa che dopo la mossa, ossia sono vietate le mosse che portano al "suicidio" del gruppo a cui appartiene la pietra.

GO: mosse vietate - suicidio GO: mosse vietate - suicidio
il bianco non può giocare nei punti segnati in rosso perché la pietra posata sarebbe priva di libertà il bianco non può giocare nel punto segnato in rosso perché toglierebbe l'ultima libertà del gruppo a cui sta unendo la pietra

KO: ripetizione infinita

Non sono consentite le mosse che riportano alla "configurazione" presente sul goban prima dell'ultima mossa dell'avversario, questo per evitare ripetizioni infine delle stesse mosse. A livello pratico questa situazione si può creare quando c'è una pietra del giocatore A in atari che viene catturata dall'avversario (giocatore B) posizionando una pietra che a sua volta finisce per essere in atari, a questo punto il giocatore A non può catturare la pietra in atari del giocatore B altrimenti si riporterebbe il goban allo stato precedente, quindi il giocatore A è obbligato a giocare la sua pietra altrove. La parola " ()", pronunciata con la "o" lunga, viene dal giapponese e può voler dire sia "minaccia" che "eone" (un tempo molto lungo), spesso è scritta usando il Katakana コウ.

GO: regola del KO GO: regola del KO
il bianco gioca nel punto segnato e cattura la pietra nera ma il nero non può giocare nel punto segnato in rosso perché riporterebbe il goban alla situazione precedente

Seki: stallo

Quando due gruppi di pietre avversari hanno entrambi solo due libertà e ne condividono almeno una si trovano in una situazione di stallo detta seki. La situazione è di stallo perchè se un giocatore giocasse una pietra nella libertà in comune consentirebbe al suo avversario di catturgli il suo gruppo di pietre, quindi a nessuno dei due giocatori conviene fare tale mossa. Le pietre in seki restano sul goban fino alla fine del gioco e non apportano punteggio per nessuno dei due giocatori.

GO: seki GO: seki
i due gruppi condividono le libertà segnate in giallo, ma nessuno dei due giocatori può giocare in tali punti: altrimenti darebbe la possibilità all'avversario di catturare il gruppo i due gruppi condividono la libertà segnate in giallo, ma nessuno dei due giocatori può giocarci: altrimenti darebbe la possibilità all'avversario di catturare il gruppo; inoltre non possono giocare neanche nell'altra libertà per non finire in atari.

... Continua ...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Joomla templates by a4joomla